Rivista il mulino

Content Section

Central Section

lettere internazionali
Stoccolma, 23/9/2010
, September 23, 2010

La crisi del modello svedese. Domenica 19 settembre si sono svolte le elezioni per il rinnovo del Riksdag, il Parlamento unicamerale svedese. Un voto che sta suscitando un’ampia eco internazionale a causa di tre grandi novità: la seconda sconfitta elettorale consecutiva del partito socialdemocratico, per la seconda volta nella storia della Svezia contemporanea, cioè da quando, negli anni Trenta, Per Albin Hansson creò il welfare state scandinavo;

Bogotà, 21/9/2010
, September 21, 2010

La Colombia incorona il delfino di Uribe. Il 7 agosto è ufficialmente cominciato il post Uribe in Colombia. Nei fasti del centro coloniale di Bogotà, il neo presidente Juan Manuel Santos ha inaugurato un primo mandato conquistato per distacco (69%) al secondo turno di una tornata elettorale di portata storica per la longeva e travagliata democrazia colombiana.

Sydney, 17/9/2010
, September 17, 2010

La campagna acquisti dei Labor. Dopo tre settimane di incertezza, si può dire che il partito di centro-sinistra dei Labor abbia vinto le elezioni federali e si avvii a dirigere il primo governo australiano di minoranza dal 1940. Dei tre candidati indipendenti rimasti indecisi, due hanno fatto pendere l'ago della bilancia politica in direzione dei Labor,

Tokyo, 14/9/2010
, September 14, 2010

Le primarie del Sol Levante. Il Partito democratico (Pd), alla guida del Giappone dal settembre del 2009, è una delle compagini fondate da ex membri del Partito liberal democratico (Pld) che, fautori di una moralizzazione del sistema politico, ne fuoriuscirono a causa di ripetuti scandali a partire dal 1993, anno della pesantissima debacle elettorale del grande partito rimasto ininterrottamente al potere dalla sua formazione nel 1955.

Città del Messico, 10/9/2010
, September 10, 2010

Una calda estate di guerra. In sette anni di guerra in Iraq, i caduti tra i militari a stelle e strisce sono stati 4.419. Nel solo 2009 in Messico i morti accertati per il crimine organizzato sono stati 7.841. Nei primi sei mesi del 2010 siamo a quota 5.524. Tutto fa presagire che il macabro contatore quest’anno scorrerà più velocemente.