Rivista il mulino

Content Section

Central Section

lettere internazionali
Amsterdam, 6/7/2010
, July 6, 2010

Uno spettro si aggira per l’Olanda. Geblondeered, l’«Ossigenato», è il soprannome con il quale Geert Wilders viene sprezzantemente chiamato dai suoi oppositori. La chioma bianca non deve tradire i suoi quarantasette anni, portati in maniera molto giovanile ed energica, un po’ spaccona: l’ex assicuratore di Utrecht, nato a Venlo, nel sud del paese, ai confini con la Germania, da mamma indonesiana e dalle origini – vedete un po’ il destino – islamiche, è sulla breccia da almeno un paio di anni.

Derry, 2/7/2010
, July 2, 2010

Quella maledetta domenica nel Bogside. La domenica del 30 Gennaio 1972, 14 manifestanti per i diritti civili morirono a Derry sotto il fuoco dei paracadutisti britannici (il film-documentario del 2002 di Paul Greengrass è un eccellente racconto di quella giornata). Un evento unico durante i troubles nord irlandesi (1969-1997) e allo stesso tempo capace di cambiare la regione profondamente.

Washington, 29/6/2010
, June 29, 2010

Obama, le politiche sanitarie e i diritti delle persone gay e lesbiche. Nel quadro delle nuove politiche sanitarie inaugurate con la recente riforma, lo scorso 15 aprile Obama ha rilasciato un memorandum che intende assicurare “il rispetto dei diritti dei pazienti ospedalizzati a ricevere visitatori e designare un tutore [chiamato ad intervenire] in caso di emergenze sanitarie”.

Bruxelles, 25/6/2010
, June 25, 2010

Gli ultrà del separatismo all’offensiva in Belgio. Le elezioni belghe del 13 giugno hanno avuto un esito per certi versi scontato, per altri imprevisto. Ci si aspettava, infatti, il successo dei nazionalisti della Nuova alleanza fiamminga (N.Va) di Bart De Wever, ma non nella misura in cui esso si è realizzato (28,3%). Ancor meno ci si attendeva un trionfo così netto del Partito socialista (Ps) in Vallonia (36,6%). A perdere, sono stati un po’ tutti:

Madrid, 22/6/2010
, June 22, 2010

La Spagna in rosso. Il dibattito sulle misure proposte dall’esecutivo spagnolo per far fronte alla crisi non si ferma. Circa un mese fa un rapporto del FMI esprimeva preoccupazione per le criticità della situazione spagnola. Nelle scorse settimane, i dati diffusi da alcune agenzie e le voci di un possibile ricorso al fondo di salvataggio UE da parte di Madrid avevano preoccupato gli addetti ai lavori, diffondendo sfiducia sui mercati.