Rivista il mulino

Content Section

Central Section

lettere internazionali
Bogotà, 21/9/2010
, September 21, 2010

La Colombia incorona il delfino di Uribe. Il 7 agosto è ufficialmente cominciato il post Uribe in Colombia. Nei fasti del centro coloniale di Bogotà, il neo presidente Juan Manuel Santos ha inaugurato un primo mandato conquistato per distacco (69%) al secondo turno di una tornata elettorale di portata storica per la longeva e travagliata democrazia colombiana.

Sydney, 17/9/2010
, September 17, 2010

La campagna acquisti dei Labor. Dopo tre settimane di incertezza, si può dire che il partito di centro-sinistra dei Labor abbia vinto le elezioni federali e si avvii a dirigere il primo governo australiano di minoranza dal 1940. Dei tre candidati indipendenti rimasti indecisi, due hanno fatto pendere l'ago della bilancia politica in direzione dei Labor,

Tokyo, 14/9/2010
, September 14, 2010

Le primarie del Sol Levante. Il Partito democratico (Pd), alla guida del Giappone dal settembre del 2009, è una delle compagini fondate da ex membri del Partito liberal democratico (Pld) che, fautori di una moralizzazione del sistema politico, ne fuoriuscirono a causa di ripetuti scandali a partire dal 1993, anno della pesantissima debacle elettorale del grande partito rimasto ininterrottamente al potere dalla sua formazione nel 1955.

Città del Messico, 10/9/2010
, September 10, 2010

Una calda estate di guerra. In sette anni di guerra in Iraq, i caduti tra i militari a stelle e strisce sono stati 4.419. Nel solo 2009 in Messico i morti accertati per il crimine organizzato sono stati 7.841. Nei primi sei mesi del 2010 siamo a quota 5.524. Tutto fa presagire che il macabro contatore quest’anno scorrerà più velocemente.

Seoul, 7/9/2010
, September 7, 2010

Instabilità coreana. In maniera assolutamente inaspettata, lo scorso 2 giugno, in occasione delle elezioni amministrative, il Grand National Party (Hannaradang), partito di cui il presidente Lee Myung-bak è diretta espressione, ha rimediato una sonora sconfitta: ciò ha probabilmente convinto lo stesso presidente dell’inevitabilità di un deciso rinnovamento.