Rivista il mulino

Content Section

Central Section

lettere internazionali
Tbilisi, 23/7/2011
, July 23, 2011

L’Europa e il crocevia del Caucaso. Il Caucaso meridionale, (Georgia, Azerbaijan, Armenia), a partire dal 2004 è entrato a fare parte integrante della Politica europea di vicinato. Da questa data l’Ue ha formalmente stabilito che il Caucaso rappresenta un’area di grande rilevanza strategica per la propria sicurezza energetica ed allo stesso tempo un importante banco di prova  per il proprio ruolo internazionale,

Islamabad, 21/7/2011
, July 21, 2011

Una frontiera esplosiva. Il più volte discusso impegno del Pakistan nella lotta al terrorismo potrebbe essere ad una svolta, altrettanto discutibile! Nei giorni scorsi, l’autorevole quotidiano “Dawn”, di Islamabad, ha pubblicato alcune indiscrezioni giunte da fonti militari, secondo le quali il governo pakistano è tornato a considerare la possibilità di minare parte del confine con l’Afghanistan.

Managua, 14/7/2011
, July 14, 2011

4 mesi, 3 settimane, 2 giorni. In un Paese di appena 5,8 milioni di abitanti, di cui più della metà sono donne e il 42,5%  vive sotto la soglia di povertà, è significativo l'ultimo dato rilevato dalla Rete delle donne contro la violenza: dall'inizio dell'anno sono state uccise 40 donne, tra cui 4 bambine con meno di 10 anni.

Città del Messico, 8/7/2011
, July 8, 2011

La megalopoli azteca. Come definire Città del Messico? Città, metropoli, megalopoli, conurbazione? La domanda può sembrare retorica, ma non lo è. La capitale del Messico, divisa al suo interno in 16 delegaciones (distretti amministrativi) e circa 1800 colonias (quartieri), si estende su un’area che oltrepassa il Distrito Federal per estendersi su due Stati della federazione messicana.

Teheran, 5/7/2011
, July 6, 2011

Elezioni e incantesimi. Potrebbero essere contati i giorni del governo Ahmadinejad. Il 26 giugno il procuratore generale della Repubblica islamica ha dichiarato che probabilmente non fermerà la serie di arresti di membri del governo. Il giorno dopo 100 parlamentari hanno convocato il presidente Ahmadinejad in parlamento per interrogarlo. Esattamente nello stesso luogo dove una settimana prima gli stessi parlamentari avevano rifiutato di alzarsi quando il presidente era arrivato per difendere un suo candidato ministro.