Rivista il mulino

Content Section

Central Section

lettere internazionali
Baia Mare, 9/9/2011
, September 9, 2011

Il muro oltre la siepe. A più di vent’anni dall’abbattimento del muro di Berlino un nuovo muro divide la popolazione di una città in Europa. Nella cittadina romena di Baia Mare, infatti, il sindaco Cătălin Cherecheş ha deciso di elevare una barriera in cemento alta quasi due metri e lunga circa cento intorno a un’area costituita da tre grossi condomini abitati da famiglie rom.

Londra, 7/9/2011
, September 7, 2011

Un’offerta che non si può rifiutare. L’Inghilterra, il Paese che ha inventato il concetto di riservatezza, ultimamente sta perdendo qualche colpo. Il Daily Mail e il Telegraph, in due articoli del 31 agosto scorso che sono stati ripresi anche dal Corriere della Sera, hanno rivelato che due banche britanniche, la Northern Rock e Bradford & Bingley, ogni settimana contattano circa 2000 dei loro clienti titolari di mutuo

Tunisi, 1/9/2011
, September 1, 2011

Dopo la Rivoluzione. A sei mesi di distanza dalla rivoluzione, la Tunisia si avvia verso la transizione. La rottura con il regime di Ben Ali ha ridato la fierezza a tutti quei giovani, disoccupati, umiliati, provenienti per lo più dai quartieri popolari e dalle regioni più marginalizzate, che hanno svolto un ruolo determinante per il successo delle manifestazioni.

Bangkok, 29/8/2011
, August 29, 2011

Ombre sul voto. La vittoria elettorale ottenuta lo scorso 3 luglio dalla sorella dell’ex premier Thaksin, la quarantaquattrenne Yingluck Shinawatra (manager di successo “prestata” alla politica), testimonia la volontà dei thailandesi di porre fine al governo del Partito Democratico, al potere dal 2006.

Dakar, 23/8/2011
, August 23, 2011

La Primavera di Dakar. Il Senegal è tradizionalmente considerato il Paese più stabile e democratico – e pertanto partner occidentale ineludibile – nella turbolenta Africa dell’Ovest. Tuttavia i recenti episodi di rivolte, saccheggi, e durissime repressioni, all’ombra dei quali si profilano i grandi temi della politica globale, rischiano di sconfessare questa reputazione.