Rivista il mulino

Content Section

Central Section

lettere internazionali
Bengasi, 17/9/2012
, September 17, 2012

L’innocenza dell’autunno arabo. Sono bastati i quattordici minuti del trailer di una pellicola intitolata  The Innocence of Muslims, firmata nel 2011 da un regista, Sam Bacile, che all’anagrafe risulta essere Nakoula Bassily Nakoula, perché i precari equilibri nei rapporti tra Stati Uniti e Paesi del Medioriente subissero una scossa tellurica.

Pechino, 12/9/2012
, September 12, 2012

Equilibri delicati. La successione al potere della Repubblica popolare cinese ha mostrato nell’ultimo anno un susseguirsi di segnali della dura contrapposizione  interna al Partito comunista.

Teheran, 11/9/2012
, September 11, 2012

Se i lavoratori si fanno contestatori. La bozza di riforma del Codice del lavoro non ci è ancora pervenuta, ha dichiarato a fine agosto il parlamentare iraniano Nader Qazipur. Eppure, già a fine 2011, il ministro del Lavoro Ali Reza Sheikholeslami affermava che la riforma era stata “finalizzata” e sarebbe stata a breve trasmessa al Parlamento.

Helsinki, 7/9/2012
, September 7, 2012

Il Paese dove si vive meglio. In una recente intervista, il romanziere Vassili Vassilikos, autore di Z, da cui Costa Gravas trasse il film Z. L’orgia del potere, si chiede come la Finlandia, con poco più di 5 milioni di abitanti, possa aver preteso e ottenuto dalla Grecia garanzie reali per la concessione della propria quota del prestito Ue

Damasco, 4/9/2012
, September 4, 2012

Siria in autunno. Nulla sarà più come prima. Il declino della oramai affaticata «primavera araba», dopo avere infiammato un po’ tutto il bacino del Mediterraneo meridionale e le sue estreme propaggini orientali, sta ora rivelando le diverse trame che le sollevazioni nei singoli Paesi hanno disegnato.